X

Cos'è?

Fondazione Cetacea è un'organizzazione senza scopo di lucro nata nel 1988 con l'impegno di tutelare l'ecosistema marino, soprattutto dell'Adriatico, attraverso attività di divulgazione, educazione e conservazione.

Dal 2008 ha subito una radicale trasformazione e ha raggiunto la totale indipendenza, prendendo la forma effettiva di Onlus e una posizione etica contraria alla cattività degli animali.

Si avvale del prezioso contributo di biologi, veterinari, naturalisti e volontari.

È attiva nel soccorso di animali in difficoltà, soprattutto tartarughe marine e cetacei.

Cosa fa?

Fondazione Cetacea gestisce il centro di recupero delle tartarughe marine di riferimento per Emilia-Romagna e Marche, fra i più importanti ed attivi della nazione.
Nel Centro sono state curate e restituite al mare circa 1000 tartarughe marine,
con un incremento notevole negli ultimi anni.

Gestisce inoltre un Centro di Primo Soccorso Tartarughe Marine a Goro.
Partecipa a numerosi progetti europei fra cui: Tartalife, Clean Sea Life, LIFE Medturtles, Interreg Soundscape e Interreg Marless, Erasmus+ Aquatic Life Lab.
Il suo ruolo nei progetti consiste soprattutto nelle attività di conservazione delle tartarughe marine, di pesca sostenibile, comunicazione e coinvolgimento degli stakeholders.

Importante è anche il ruolo della Fondazione a livello scientifico, in particolar modo nella raccolta di dati, campioni e conseguente disseminazione dei risultati.

La Fondazione Cetacea ONLUS è ufficialmente riconosciuta dalla Regione Emilia-Romagna come Centro di Educazione Ambientale.

Svolge attività di ricerca con enti italiani/esteri ed ha all’attivo convenzioni con diverse Università italiane (Bicocca di Milano, Politecnica delle Marche, Pisa, Bologna).

Quante tartarughe sono

ricoverate oggi?

Al momento la Fondazione ospita 23 tartarughe marine, ricoverate per varie problematiche:

- la cattura accidentale in reti a strascico, a seguito della quale hanno rischiato l’annegamento;

- traumi da impatto con eliche ed imbarcazioni, con conseguenti problematiche a livello del sistema nervoso centrale (sono animali con lunghi periodi di degenza che devono intraprendere percorsi di riabilitazione);

- ipotermia causata dall’improvviso abbassamento della temperatura del mare, che compromette le funzioni vitali degli animali.

Una delle tartarughe ricoverate a seguito di complicazioni è diventata cieca in maniera irreversibile. 

Ciascun anno la Fondazione recupera circa una cinquantina di tartarughe marine, che vengono poi ricoverate nel centro di Riccione per poi essere rilasciate in mare una volta guarite.
I rilasci delle tartarughe, che avvengono lungo tutta la costa da Goro a
San Benedetto del Tronto, sono momenti importanti di sensibilizzazione della popolazione e dei turisti sull’importanza della conservazione della biodiversità del mare Adriatico.

Sono sempre accompagnati da un breve momento di educazione ambientale.

Perchè Terranova aiuta la

Fondazione Cetacea?

Terranova è un marchio legato al territorio.
Vogliamo prenderci cura del nostro mare, quello della Riviera di Rimini.
Con il nostro contributo la Fondazione investirà nel rifacimento di una parte dell’impianto elettrico della nuova sede presso l’ex delfinario di Rimini.

 

L’edificio, in fase di ristrutturazione, disporrà di:

• 14 vasche di ricovero per le tartarughe marine;

• un Museo multimediale sul mare;

• una Scuola di mare;

• una base nautica;
• un ambulatorio veterinario specializzato.


È solo un piccolo primo passo.

Aiutare una realtà locale nella tutela dell'ecosistema marino dell'Adriatico ci rende partecipi di un grande progetto e siamo orgogliosi di farne parte.


Stay tuned!

Cos'è?

Fondazione Cetacea è un'organizzazione senza scopo di lucro nata nel 1988

con l'impegno di tutelare l'ecosistema marino, soprattutto dell'Adriaco attraverso attività di divulgazione, educazione e conservazione.

Dal 2008 ha subito una radicale trasformazione e ha raggiunto la totale 

indipendenza, prendendo la forma effettiva di Onlus e una posizione etica contraria alla cattività degli animali.

Si avvale del prezioso contributo di biologi, veterinari, naturalisti e volontari.

È attiva nel soccorso di animali in difficoltà, soprattutto tartarughe marine e cetacei.

Cosa fa?

Fondazione Cetacea gestisce il centro di recupero delle tartarughe marine di riferimento per Emilia-Romagna e Marche,

fra i più importanti ed attivi della nazione.
Nel Centro sono state curate e restituite al mare circa 1000 tartarughe marine,

con un incremento notevole negli ultimi anni.

Gestisce inoltre un Centro di Primo Soccorso Tartarughe Marine a Goro.
Partecipa a numerosi progetti europei fra cui: Tartalife, Clean Sea Life, LIFE Medturtles,

Interreg Soundscape e Interreg Marless, Erasmus+ Aquatic Life Lab.
Il suo ruolo nei progetti consiste soprattutto nelle attività di conservazione delle tartarughe marine, di pesca sostenibile,
comunicazione e coinvolgimento degli stakeholders.

Importante è anche il ruolo della Fondazione a livello scientifico, in particolar modo nella raccolta di dati, campioni e conseguente disseminazione dei risultati.

La Fondazione Cetacea ONLUS è ufficialmente riconosciuta dalla Regione Emilia-Romagna come Centro di Educazione Ambientale.

Svolge attività di ricerca con enti italiani/esteri ed ha all’attivo convenzioni con diverse Università italiane (Bicocca di Milano, Politecnica delle Marche, Pisa, Bologna).

Quante tartarughe sono

ricoverate oggi?

Al momento la Fondazione ospita 23 tartarughe marine, ricoverate per varie problematiche:

 

- la cattura accidentale in reti a strascico, a seguito della quale hanno rischiato l’annegamento;

- traumi da impatto con eliche ed imbarcazioni, con conseguenti problematiche a livello del sistema nervoso centrale (sono animali con lunghi periodi di degenza che devono intraprendere percorsi di riabilitazione);

- ipotermia causata dall’improvviso abbassamento della temperatura del mare,

che compromette le funzioni vitali degli animali.

Una delle tartarughe ricoverate a seguito di complicazioni è diventata cieca in maniera irreversibile. 

 

Ciascun anno la Fondazione recupera circa una cinquantina di tartarughe marine,

che vengono poi ricoverate nel centro di Riccione per poi essere rilasciate in mare una volta guarite.
I rilasci delle tartarughe, che avvengono lungo tutta la costa da Goro a 
San Benedetto del Tronto, sono momenti importanti di sensibilizzazione della popolazione e dei turisti sull’importanza della conservazione della biodiversità del mare Adriatico.

Sono sempre accompagnati da un breve momento di educazione ambientale.

Perchè Terranova aiuta la

Fondazione Cetacea?

Terranova è un marchio legato al territorio.
Vogliamo prenderci cura del nostro mare, quello della Riviera di Rimini.
Con il nostro contributo la Fondazione investirà nel rifacimento di una parte dell’impianto elettrico della nuova sede presso l’ex delfinario di Rimini.

L’edificio, in fase di ristrutturazione, disporrà di:

 

• 14 vasche di ricovero per le tartarughe marine;

• un Museo multimediale sul mare;

• una Scuola di mare;

• una base nautica;
• un ambulatorio veterinario specializzato.

È solo un piccolo primo passo.

Aiutare una realtà locale nella tutela dell'ecosistema marino dell'Adriatico

ci rende partecipi di un grande progetto e siamo orgogliosi di farne parte.


Stay tuned!